Ho sempre considerato Marrakech una delle città più belle al mondo. L’ho pensato la prima volta che l’ho vista -tantissimi anni fa- e l’ho riconfermato durante il nostro ultimo viaggio in Marocco.
E’ stata la prima e l’ultima tappa di un’esperienza semplicemente straordinario, l’incipit e l’epilogo di un libro scritto a cuore aperto, a quattro mani. Le nostre.

Durante i nostri due giorni a Marrakech abbiamo assaporato un Marocco sicuramente diverso da quello incontrato durante l’on the road.
E’ lì che si concentra la maggior parte dei turisti e se è vero che le trappole sono all’ordine del giorno, è vero anche che noi ci siamo sempre imbattuti in persone gentili ed ospitali. Forse dipende tutto dal punto di vista dell’osservatore. O forse è solo fortuna, chi lo sa.
Ma a Marrakech è racchiuso un mondo nel mondo, un microcosmo polveroso e affascinante che ti accarezza e graffia e graffia e accarezza ripetutamente.

due giorni a Marrakech

Una tappa irrinunciabile che si snoda sulle note di una canzone arabeggiante, tra i tetti dei riad affacciati sulla medina, tra i vicoli dei souk e il caos della piazza principale. Tra le mani sapienti di chi lavora l’henné o incanta i serpenti, tra i fumi che fuoriescono dai pentoloni e l’odore di menta che evapora dal tè.

Cosa vedere in due giorni a Marrakech?

Djemaa el-Fna

Patrimonio Unesco e teatro urbano, non c’è una cosa nella piazza più famosa della medina che non superi i limiti del concetto di normalità.
Dai suddetti incantatori di serpenti ai dentisti: mestieri improvvisati alla mercè dei turisti, attori di quello che sembra un film dalla scenografia perfettamente ricostruita. Eppure è lì, esiste, puoi toccare tutto con mano e renderti conto di come la magia possa diventare improvvisamente realtà.

Djemaa el-Fna è un luogo nel quale metti piede con una curiosità enorme, la osserveresti all’infinito ma dopo un po’ ti costringe a levare le tende, perché diventa troppo caotica, troppo affollata, troppo frenetica. E non è un obbligo di evasione dettato solo dagli onnipresenti mendicanti -molti dei quali sono bambini addestrati a fare ciò- ma è come se all’improvviso si voltasse pagina e tutto cambiasse faccia.
Nonostante, almeno nel nostro caso, si riesca a berne solo a piccoli sorsi, essere spettatori di questa trasformazione è un dono: al calare del sole vengono allestiti innumerevoli chioschetti di streetfood.

due giorni a Marrakech
due giorni a Marrakech
due giorni a Marrakech

Sebbene questo sia l’unico luogo nel quale l’insistenza degli “accappa-clienti” sia insopportabile, vi consigliamo di fermarvi per cena perché l’esperienza è memorabile. Gli stand vendono tutti più o meno le stesse cose, quindi scegliete quello che vi ispira di più o con più locals.

Prima di cena, però, non dimenticate di salire su una delle terrazze panoramiche per ammirare -e ovviamente immortalare- la piazza dall’alto. Il bar con la vista più bella si chiama Le Grand Balcon du Cafè Glacier e, consumando anche un seplice tè, avrete la possibilità di godere di uno spettacolo unico al mondo. Cercate di arrivare prima del tramonto, altrimenti trovare uno spazio libero per scattare belle foto diventerà un’impresa impossibile.

Il Souk

Per Souk si intende una sorta di mercato caotico e nel quale potrete trovare di tutto. Seriamente: di-tutto.
Quello di Marrakech si è molto adattato agli interessi dei turisti, ma passeggiare tra i vicoli resta comunque un’esperienza piacevole e una parentesi paradisiaca per gli amanti dello shopping o per chi vuole semplicemente acquistare qualche souvenir.
Le cose da ricordare sono due: contrattate sempre..E attenti a schivare i motorini che spuntano all’improvviso!

due giorni a Marrakech

Palazzo Bahia

Il Palazzo Bahia merita senza dubbio una visita, è un concentrato di meraviglie architettoniche e giardini.
Ogni stanza è diversa dall’altra, ogni mosaico sembra voler sussurrare storie e segreti di chi ha vissuto tra quelle mura.
Sicuramente si riesce ad apprezzarne meglio le caratteristiche con una visita guidata.

due giorni a Marrakech

Tombe Saadiane

Se penso a questo posto, la prima cosa che mi viene in mente è la fatica che abbiamo fatto per trovarlo. Giravamo intorno allo stesso punto senza mai riuscire a capire dove fosse l’entrata. Poi, con l’aiuto di alcuni marocchini gentilissimi, siamo arrivati a destinazione. E ne siamo rimasti incantati.
Si tratta del mausoleo della dinastia Sa’diana ed è facilmente raggiungibile dalla piazza Djema el-Fnaa con una piacevole camminata (se trovate subito la strada!).
Volete sapere una cosa incredibile? Per un numero spropositato ed enorme di anni nessuno era a conoscenza di questo tesoro. Immaginate quando hanno scoperto che, proprio sotto agli occhi, avevano sempre avuto un pezzo di storia dal valore inestimabile!

due giorni a Marrakech
due giorni a Marrakech

Giardini Majorelle

E’ l’unica attrazione lontana dalla medina, ma vale assolutamente la pena saltare su un taxi per visitarla. Si tratta probabilmente di uno dei luoghi più instagrammati al mondo e l’atmosfera che la pervade non si può spiegare. Seriamente, è impossibile. E’ come fare un tuffo in un secchio pieno di vernice blu nella quale è caduta qualche goccia altri colori. Piante di ogni tipo fanno ombra a fontane abitate da carpe, mentre dei portici perfettamente rifiniti accolgono i passi dei visitatori.
Un tempo, però, i passi appartenevano a Yves Saint Laurent e al suo compagno Pierre Bergé, i quali si innamorarono di questo Eden e decisero di trasformarlo nella loro nuova casa, per poi donarlo alla città di Marrakech dopo la morte dello stilista, le cui ceneri sono state cosparse proprio nel suo amato giardino.

due giorni a Marrakech

I nostri due giorni a Marrakech sono stati letteramente pienissimi, perché inizialmente avremmo dovuto passare in città tre notti ma, a causa di un cambiamento di programma, siamo stati costretti a sacrificarne una. In realtà non basterebbe un mese per visitare tutto ciò che Marrakech da offrire ma, se avessimo avuto un po’ più di tempo, avremmo sicuramente aggiunto al programma la Madrasa di Ben Youssef e la Mellah, il quartiere ebraico.

Due giorni a Marrakech: dove dormire?

Sebbene Marrakech pulluli di hotel lussuosissimi, l’emozione che ti regala l’esperienza di dormire in un riad non ha rivali.
Noi ne abbiamo cambiati due, ma quello che consigliamo ad occhi chiusi è il Riad Yasmine, un altro dei luoghi probabilmente più instagrammati del mondo, grazie alla sua piscina spettacolare.
E’ un riad di livello altissimo, con ambienti curati nei minimi particolari e un’atmosfera da mille e una notte. Abbiamo provato anche la cena, che ha superato ogni aspettativa: un’ottima cucina a lume di candela, nel bel mezzo di una delle città più belle del mondo.
What else?

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi news e aggiornamenti dal nostro blog

Iscrizione avvenuta con successo!

Pin It on Pinterest

Share This