Un compagno allegro è una carrozza in un viaggio a piedi

..Diceva Johann Wolfgang Goethe, mica uno qualunque.

Oggi non vi darò indicazioni, non vi suggerirò il volo low cost di turno o un albergo pulito che costa poco. Oggi voglio metterci un pizzico di amore in più per parlarvi dell’altro lato della medaglia, quello che rende il viaggio unico e speciale. Sono una sentimentalona irrecuperabile quindi, per questa volta, vi parlo con il cuore in mano.

Oggi voglio parlarvi della mia carrozza.
Perché rende questo mondo strano e interessante ancora più speciale.

939_4414624558751_2134509424_n

Quando si parla di viaggi, ci si concentra solo sulla destinazione, su quella cosa che a noi piace chiamare meta. Ma nessuno pensa mai a quanto sia ugualmente importante il compagno con cui la inseguiamo.
E’ un pensiero che mi è venuto in mente poche sere fa, quando una delle mie migliori amiche mi ha detto che lei non riuscirebbe a reggere i ritmi che io adotto quando viaggio. Potrei mai darle torto?
Effettivamente, a volte, quando torno a casa dolorante dopo due giorni trascorsi a rincorrere più angoli possibili di una qualsiasi città europea penso che l’unica salvezza sia un letto e cento ore consecutive di sonno. Però, sotto sotto, sorrido sempre.
E c’è qualcuno che sorride con me.

936249_10200704770316641_664014473_n

Ogni viaggiatore ha i suoi ritmi, i suoi gusti e i suoi interessi e non esiste un viaggiatore migliore di un altro. Che siate backpackers, stimatori del lusso assoluto, fanatici dello shopping o dell’arte o della storia, non permettete mai a nessuno di giudicare il vostro modo di esplorare ciò che vi circonda. Non è detto che io, che davanti alle vetrine non ho né l’interesse e né il tempo materiale per fermarmi, sia migliore di un qualsiasi mio lettore, magari proprio tu che stai scorrendo questa pagina web, che invece fa di quelle vetrine lo scopo del suo viaggio.
Chi è che decide il modo in cui dobbiamo approcciarci al mondo? Nessuno.

547506_4745998042881_1223489329_n

Durante il weekend di #WeLevanto, io e i miei amici blogger abbiamo parlato tanto di questa strana cosa che io amo definire il passo del viaggiatore. Mi sono ritrovata in mezzo a persone meravigliose che camminavano all’unisono con me, fermandosi solo per immortalare i colori della Liguria. Quelle stesse persone che mi hanno fatta sentire a casa quando non si sono spaventate di fronte all’idea di dover visitare un paesino in nemmeno venti minuti, soltanto perché per noi, che facciamo di questa strana malattia chiamata viaggio la nostra filosofia di vita, la curiosità di vedere posti nuovi vince su tutto il resto.
Per questo io dico sempre che in vacanza, considerando il senso vero e proprio del termine, vado una volta l’anno, mentre nelle restanti occasioni io non mi rilasso. Io viaggio.

184904_1848293682083_3746269_n

In questo sono estremamente fortunata.
Ho la fortuna di avere accanto una persona che, proprio come me, si fa tante domande e osserva i paesaggi che calpestiamo come un bambino osserva i regali sotto l’albero di Natale. Ho accanto una persona a cui non pesa mangiare qualche pezzo di sushi al volo poggiandosi su un muretto se abbiamo poco tempo perché “dobbiamo ancora vedere tante cose”. Ho accanto una persona che non capisce nulla di fotografia, ma ogni tanto si guarda intorno per poi dire “qui c’è uno scorcio bellissimo”. Ho accanto una persona che è in totale sincronia con me, come se fossimo due orologi che condividono le medesime lancette, perché ha fatto del viaggio il suo sogno. Ho accanto una persona che non conosce il razzismo, il colore della pelle, la diversità delle lingue e che quando meno me lo aspetto mi volto e sta cercando di instaurare una conversazione con il cubano o il giapponese di turno.






Ho la fortuna di poter condividere la mia più grande passione con la stessa persona con la quale condivido anche la vita al di fuori di essa.
Immaginate di intraprendere un viaggio con qualcuno che ha interessi totalmente opposti ai vostri, che mentre voi premete per assaggiare le specialità culinarie locali, lui è già dentro il primo ristorante italiano che incontra. Se anche voi preferite restare fedeli ai nostri piatti il problema non si porrà, ma se così non fosse.. Beh, sarebbe un problema, soprattutto in caso di viaggi molto brevi. Cercate viaggiatori che più o meno hanno le vostre medesime passioni, per evitare di limitarvi l’un l’altro. Così eviterete nervosismi e ricorderete una vacanza in linea con le vostre aspettative.

375156_10200704786357042_627531381_n

Questo è l’augurio che faccio ad ognuno di voi. Vi auguro di trovare la perfetta metà della mela con la quale condividere l’interesse per il viaggio, non importa che si tratti di un fidanzato, di una fidanzata, di un amico, di un familiare.
C’è solo una cosa che conta: che guardi il mondo con i vostri stessi occhi e lo calpesti con i vostri stessi passi.

Il più bello dei viaggi è quello che compiamo attraversando noi stessi.
Non dimenticatelo mai.

“Amo in te
l’avventura della nave che va verso il polo
amo in te
l’audacia dei giocatori delle grandi scoperte
amo in te le cose lontane
amo in te l’impossibile
entro nei tuoi occhi come in un bosco pieno di sole
e sudato affamato infuriato
ho la passione del cacciatore
per mordere nella tua carne.

Amo in te l’impossibile
ma non la disperazione.”
Nazim Hikmet

424096_4872165756995_319204111_n

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

18 commenti

  • Tesoro che bel post!
    Parli di sincronia di stessi ritmi di viaggio stesso entusiasmo e stupore di un bambino.
    Condivido tutto… con Fra è la stessa identica cosa! Ci capiamo, andiamo in simbiosi. Abbiamo la stessa voglia di sushi, thailandese o hamburger. Ci capiamo. Punto.
    E sono certa che tutti noi di Welevanto riusciremmo a capirci e viaggiare insieme.

  • Ciao Marika 🙂
    Mi piace moltissimo questo post perche condivido tutto ciò che hai scritto.
    Negli ultimi anni ho provato a spostarmi con diverse persone ma di fatto solo con la mia dolce metà continuo a trotterellare per il mondo.
    Mi fa ridere proprio l’esempio del ristorante italiano perchè è l’esempio che pongo per differenziare il viaggiatore e il turista… :))
    Come te anche io vado in vacanza una volta l’anno e quando torno da un viaggio vero sono felice ed esausta e vallo a spiegare che si può essere stanchi perchè di relax non se ne sente neanche l’esigenza quando hai un intero paese da scoprire!

    Un abbraccio,

    Danila

    • Ciao Danila! grazie mille!:) Non tutti sono in grado di comprendere che a noi quel dolore alle gambe ci fa sentire vivi, dipende da quanto amore ci spinge ad esplorare questo mondo meraviglioso! Un bacione

  • Ma quanto sei dolce tu?
    E quante cose vere hai scritto?
    E’ un argomento sacrosanto questo del compagno di viaggio. Sembra superficiale, ma non lo è perché per me è impensabile adottare un ritmo diverso da quello che ormai ho. Con Vic è stato semplice: abbiamo iniziato a viaggiare insieme quindi ci siamo “solo” sincronizzati 🙂
    Bellissimi voi, grazie per questo articolo tesoro… mi è piaciuto tanto

  • Ciao Marika 🙂 Niente di più vero! L’ho provato sulla mia pelle più volte e non c’è niente di più bello di camminare allo stesso ritmo 😉 Trovarsi male con il proprio compagno di viaggio significherebbe condizionare negativamente anche l’umore e il modo di osservare una città. Insomma un disastro! 🙂 Bell’articolo, mi piace!
    A presto
    Fede

  • incredibile la dolcezza con cui hai scritto questo post! tutto vero comunque.. anche io mi trovo benissimo col mio fidanzato, mentre odio i viaggi di gruppo organizzati.. e se devo andare con i miei genitori, solo per vacanza.. loro cercano solo relax 🙂

    • Ciao Debora! Ogni tanto mi piace far parlare il cuore 🙂 come ti capisco.. Anche io mi trovo bene con il mio fidanzato perchè abbiamo gli stessi ritmi e la stessa voglia di scoprire 🙂

  • Questo post è stupendo, una meravigliosa dedica ad una persona che, si capisce fin dal primo rigo, è speciale per te.
    Come te, anche io ho sempre avuto la fortuna di avere accanto la persona perfetta per me. Non solo nella vita quotidiana ma anche, e soprattutto, nei viaggi. E da quando a noi si è aggiunto il terzo compagno di vita (e di viaggio), uno scriccioletto che ha preso il primo volo a due mesi di vita, il quadro si è completato.
    Capisco profondamente ogni tua parola e, se posso, le faccio tutte mie.

    • Grazie Elena.. Certo che queste parole puoi farle tue! Ogni tanto diamo per scontate le persone che ci circondano e quelle che viaggiano con noi, all’unisono con i nostri stessi passi. Poi ovviamente, quando si tratta di “scriccioletti”, quello no.. Impossibile darli per scontati 🙂

  • […] Presto vi parlerò di itinerari, ristoranti e trasporti, ma ora lasciatemi puntualizzare qualcosa che per me è fondamentale. Come ho sempre detto, i viaggi sono anche le persone a farli e, quindi, a renderli speciali. Sapete che sono abituata a viaggiare in due e che ormai ho sincronizzato i miei passi e le mie abitudini con quelle di Diego. […]

  • Siete una coppia meravigliosa, e mi piace vedere le vostre foto insieme su Facebook e su Instagram. Si vede proprio che siete fatti l’uno per l’altra! Condivido appieno il fatto che in un viaggio non conta solo la destinazione, ma anche le persone con cui stai e con cui condividi i momenti. Non è da tutti trovare una persona che condivida le tue stesse passioni e il tuo modo di viaggiare, ma tu l’hai trovato. Bravi ragazzi! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *