Due settimane in Sicilia on the road: itinerario tappa per tappa

E’ un’isola speciale.
Una fetta di mondo nella quale è impossibile annoiarsi perché c’è sempre qualcosa da fare, vedere o assaggiare, letteralmente ad ogni chilometro.
Negli ultimi anni abbiamo avuto la possibilità di visitarla varie volte e, unendo i pezzettini, siamo riusciti a creare quello che secondo noi è l’itinerario ideale per due settimane in Sicilia.

Come muoversi

Il mezzo migliore, per noi, è senza ombra di dubbio l’auto.
In alcune zone i mezzi pubblici funzionano discretamente, ma poter godere di una libertà assoluta è qualcosa che non ha prezzo.

Noi abbiamo imbarcato la nostra auto a Villa San Giovanni (c’è anche il servizio Telepass, che però funziona meglio per la tratta da Messina) ma non avrai alcun problema a noleggiarne una se arriverai in aereo.
La traversata dura circa venti minuti.

 due settimane in Sicilia

L’itinerario

Ovviamente è necessario fare una selezione ed è bene ricordare che il tempo da dedicare ad ogni singola tappa è sempre molto soggettivo.
Noi abbiamo dovuto affrettare i tempi durante l’ultima visita (eravamo sull’isola per il matrimonio di due amici quindi è stato un gioco di incastri), ma ci saremmo fermati volentieri un po’ di più in alcune zone.

Di certo non bastano due settimane in Sicilia per scoprirne tutte le bellezze, ma abbiamo pensato ad un programma che possa fungere da punto di partenza e, vista la mole di attrazioni che l’isola ha da offrire, potrebbe essere utile per l’organizzazione ricorrere ad un portale incentrato proprio sulla Sicilia e adatto agli interessi e al budget di qualsiasi viaggiatore.

Primo giorno: arrivo a Messina e, dopo aver visitato se ti va la città, spostamento a Taormina. Ecco i nostri consigli su cosa visitare e dove mangiare, aggiungiamo che è molto buona la granita al Bam Bar (c’è una fila lunghissima) anche se il personale è spesso troppo scontroso. Notte a Taormina.

due settimane in Sicilia

Secondo giorno: spostamento verso Catania con tappe ad Aci Trezza, Aci Reale e Aci CastelloNotte a Catania. Qui i nostri consigli su queste tappe.

Terzo giorno: Stabilisci tu quanto tempo dedicare a Catania, se ripartire il pomeriggio seguente o se fermarti una notte in più. La tappa successiva sarà Siracusa. Dopo aver visitato il Teatro Greco, perditi nella meravigliosa Ortigia, esplorala senza programmi e senza mete, scatta qualche foto al Castello, al Duomo e alla Fonte Aretusa e poi fermati per un aperitivo in uno dei numerosissimi localini sul porto o disseminati nei vicoli. Per noi è senza dubbio una delle zone più belle di tutta la Sicilia.

due settimane in Sicilia due settimane in Siciliadue settimane in Siciliadue settimane in Sicilia

Nei dintorni di Siracusa ci sono anche diverse spiagge, le più famose sono Fontane Bianche e Arenella. La prima, seppur meravigliosa, era davvero troppo affollata ad agosto, mentre la seconda ci ha letteralmente rubato il cuore. Per evitare il caos spostati verso destra seguendo le scogliere, troverai diverse calette molto tranquille e con acqua cristallina. C’è anche uno stabilimento balneare, il costo si aggira intorno agli undici euro a persona per lettino e ombrellone.

La zona del siracusano è letteralmente disseminata di cose da fare e da vedere, quindi merita sicuramente più di una notte. Ad esempio noi, a causa del meteo sfavorevole, non siamo riusciti a visitare la splendida Riserva Orientata del Cassibile.
Non lasciare per nessun motivo Siracusa senza aver visitato il mercato di Ortigia e aver preso un panino squisito al Caseificio Borderi. Fidati, è un’esperienza mistica (oltre che divertentissima)!

due settimane in Sicilia due settimane in Siciliadue settimane in Sicilia

Quarto giorno: la prima tappa sarà la bellissima Noto, che ti ruberà centinaia di foto. Consigliamo di fermarsi per la notte a Marzamemi e di arrivare nel pomeriggio, in modo da ammirare la piazza sia di giorno che di sera. C’è un’atmosfera molto piacevole. Per l’aperitivo l’indirizzo giusto è Liccamiciùla. Per un altro po’ di mare meraviglioso, non perderti l’Oasi di Vendicari e le sue tante spiagge.

due settimane in Sicilia due settimane in Sicilia due settimane in Sicilia due settimane in Sicilia due settimane in Sicilia due settimane in Sicilia

Quinto giorno: quella di oggi sarà una giornata ricchissima, che terminerà con una notte a Ragusa o dintorni. La prima tappà sarà Scicli (che noi abbiamo purtroppo dovuto saltare per via del brutto tempo), per poi continuare verso la splendida Modica, famosa -tra le tante cose- per il suo cioccolato. L’indirizzo da impostare sul navigatore è quello della Pasticceria Bonajuti, che fa dei cannoli da urlo e anche la cioccolata senza lattosio in bicchiere. Per Modica vale il solito consiglio: perditi.
Perditi tra i vicoli, tra le chiese, tra le scalinate.

L’ultimo stop sarà Ragusa, la bella e affascinante Ragusa. Abbiamo dedicato diverse ore alla visita, arrampicandoci tra stradine bianchissime e scorci mozzafiato. Sembra davvero un presepe. Se possiedi la Lonely Planet, ti suggeriamo di seguire l’itinerario a piedi dedicato alla città, è davvero ben fatto.
Noi abbiamo dormito a Vittoria, precisamente al Baglio Occhipinti, ma se cerchi la movida pare che Marina di Ragusa sia un posticino molto attivo d’estate.

due settimane in Sicilia due settimane in Sicilia due settimane in Sicilia

Sesto giorno: oggi si va verso Agrigento!
Le tappe principali saranno la Valle dei Templi e la Scala dei Turchi. Per la prima, ricorda di acquistare i biglietti online, perché le file sono lunghissime.
Ti avanza tempo? Potresti pensare di raggiungere Farm Cultural Park nella vicina Favara!
Se cerchi un posticino perfetto per la cena, ti suggeriamo di prenotare da Krokos, per l’aperitivo e un po’ di people watching invece è perfetto Enotria.

due settimane in sicilia due settimane in sicilia

Settimo giorno: partiamo alla volta di Marsala e scegliamo dove fare tappa. Ci sono varie possibilità, tra le quali Sciacca e Selinunte. Questa è la giornata ideale per godersi degli aperitivi fantastici e il tramonto sulle saline. Il più famoso pare sia quello di Mamma Caura.
Se ti piacciono i crudi, non puoi proprio perderti CTA Pesca Mareaviva ostricheria.

due settimane in sicilia

Ottavo – Decimo giorno: è arrivato il momento di goderti la meravigliosa Favignana! Questo itinerario prevede solo due notti sull’isola, noi in realtà ne abbiamo passate tre e non pensiamo siano minimamente sufficienti.
Dedica a questo paradiso tutto il tempo che puoi.

due settimane in sicilia due settimane in sicilia due settimane in sicilia

Undicesimo giorno: dopo un giro a Trapani, spostati verso Erice, un borgo imperdibile e incredibilmente caratteristico. Notte a San Vito Lo Capo e consigliamo di assaggiare il cous cous del ristorante Gna Sara.

Dodicesimo giorno: Escursione alla tonnara di Scopello e alla Riserva dello Zingaro. Il modo migliore per esplorarle è a nostro parere la barca. Le agenzie che offrono escursioni (solitamente della durata di circa quattro ore) sono molteplici e in alta stagione vanno prenotate con un pochino di anticipo. Noi abbiamo dedicato tutta la mattinata all’escursione per poi spostarci per fare il bagno verso la zona di Macari.

Tredicesimo giorno: questa parte dell’itinerario per due settimane in Sicilia dipende molto dai tuoi gusti e dalla possibilità o meno di allungare un po’ il viaggio. Potresti fermarti a dormire a Castellammare del Golfo o guidare fino a Palermo, alla quale ti consigliamo di dedicare almeno una giornata piena per visitare giusto giusto le cose principali.

Quattordicesimo giorno: dedica la mattinata alla visita di Palermo e dei suoi mercati per poi spostarti verso altre zone della città o proseguire il tuo percorso (sempre se sei riuscito a vedere e assaggiare tutto quello che abbiamo indicato in questo articolo). Potresti, ad esempio, fermarti a Bagheria e poi raggiungere Cefalù.
Prima di lasciare Palermo, però, regalati un passo nella storia, anzi, regalatene cento. Stiamo ovviamente parlando dei cento passi che dividevano la casa di Peppino Impastato da quella del boss Tano Badalamenti, a Cinisi.

Quindicesimo giorno: rientro verso Messina.

palermo in un giorno palermo in un giorno

 

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *