Perché nessuno va più a Praga?

Perché nessuno va più a Praga?

Me lo chiedo da qualche giorno. E’ strano come un giorno prima un Paese possa essere una meta gettonatissima e il giorno dopo, invece, quasi abbandonata.
Ve lo dico io il perché: è diventata cara anche lei. Sono finiti i bei tempi in cui il biglietto aereo costava pochissimo e la birra, che da quanto ho potuto notare era l’unica cosa davvero economica, te la davano quasi gratis. Fortunatamente si possono ancora trovare voli per Praga a buon prezzo.

184680_1848290041992_97732_n

Praga però è da vedere. Perché Praga ha quell’atmosfera un po’ tetra che tante città hanno purtroppo perso.
Ora voi penserete “Marika ma in che schifo di città vuoi mandarci?” e avete pure ragione, ma “tetra” in questo caso ha una valenza positiva. Io l’ho visitata, l’ho capita, l’ho amata.
Mentre calpestavo i suoi sanpietrini mi sono teletrasportata in uno di quei film d’epoca in cui vengono ripresi i vicoli di notte, le carrozze e le persone, rigorosamente vestite in nero, che si confondono nella nebbia lasciando spazio solo al rumore degli zoccoli dei cavalli. Si, insomma, una di quelle scene in cui alla fine qualcuno viene sgozzato.
Sicuramente ce l’avrete presente.

Ecco, Praga è un po’ così. Misteriosa e bellissima come solo un’elegante signora di altri tempi sa essere.
E’ come se volesse sussurrare “Venite a visitare le mie ricchezze., io sono qui per farmi ammirare”.

200690_1848296162145_547288_n

Questa città si gira tranquillamente a piedi, quindi armatevi di scarpe comode e polpacci resistenti perché per assaporare totalmente la sua magia bisogna andare alla scoperta dei vicoli più nascosti e dei suoi “luoghi segreti”.
Come è normale che sia, ad un certo punto vi verrà fame e avrete solo l’imbarazzo della scelta!
La maggior parte delle piccole locande propone menu turistici che io ho trovato molto convenienti ma se proprio non potete rinunciare al junk food, tranquilli, dopotutto stiamo parlando di una capitale!
E tale titolo accontenta anche chi è shopping-dipendente: Piazza San Venceslao vi stupirà con la sua quantità di negozi, indubbiamente adatti a tutte le tasche.

Ma se la medaglia ha due lati, al calar del sole questa città ci mostra quello nascosto. I mercati e i musei lasciano il posto ad innumerevoli birrerie, ristoranti e locali che brulicano di gente.

E mica sono solo ragazzi! Persone di tutte le età scelgono il loro piatto ed impugnano il loro boccale e, dopo il terzo o il quarto, si abbandonano anche a buffi canti popolari.
Questo succede da U Fleku, la birreria storica di Praga. Al contrario delle altre, essa ha mantenuto lo “stile” originale scegliendo di conservare le tavolate lunghissime e gli abiti tipici di parecchi anni fa.
Ad un certo punto li vedi afferrare lo strumento musicale di turno nel tentativo di coinvolgere i turisti che poi, non si sa il perché, in questi casi viene beccato sempre il più timido del gruppo.
Io, dal canto mio, una ballata me la sarei fatta volentieri!

198302_1848299122219_3032179_n

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

14 commenti

  • Ciao Marika bella!
    Sicuramente Praga è la più “cara” tra le città dell’Europa dell’Est, ma non mi sembra che non ci vada più nessuno… io almeno ho molti amici che ci stanno andando in questo periodo. Sicuramente è questione anche di “tendenze” locali.
    Bellissime le tue foto!
    p.s. il muro di John Lennon! *.*

  • io l ho visitata 4 anni fa subito dopo Vienna.. ero rimasta a bocca aperta per quanto fosse economica rispetto la capitale austriaca.. ci ritornerei volentieri soprattutto per la birra, ma in testa il pallino dell’Oktoberfest che in qualità di birra penso proprio che la batta 😀

  • Praga e’ una citta’ che ammalia…a me e successo 5 anni adesso faccio la spola con L ‘Italia ma il mio obiettivo viverci definitivamente non la cambio.con nessun altra citta’ D ‘ europa ma e’ anche vero che da ragazzino ero incuriosito della Repubblica Ceca….e’ ci sono finito!!!La reputo una di quelle citta’ che si avvicina ai 360 gradi,mi sono letto tutta la storia di Praga e tale ricerca mi ha fatto aprezzare ancora di piu questa magica citta’!!!

  • Io mi ci sono anche trasferita :-p
    Comunque te lo assicuro…si fa a spallate con gli italiani specie nel weekend.
    Purtroppo il risparmio non è più quello di un tempo, ma avendo ancora la corona e non l’euro c’è ancora margine.
    E poi comunque la città vale il prezzo un pò più alto con la neve o con il sole 🙂 Se ricapiti da queste parti fai un fischio

  • Sono stato a Praga nel 1991 e ci sono tornato nel 2006. Due città completamente diverse. Se nel ’91 Praga conservava intatto quel fascino che l’ha resa famosa, nel 2006 sembrava di stare nella Firenze di Ponte Vecchio o nella Roma fuori Colosseo. Nel’91 appena finito il “mondo comunista” a Praga trovavi bancarelle con reperti originali storici, burattini di legno veri, stampe di valore, birrerie autentiche. Il tutto pagandolo due soldi e ricevendo qualità. Nel 2006 le strade prima di Karlov Moste tappezzate di maglie da calcio, patatinerie, hamburger ovunque, falsi burattini in legno, falsi reperti e tutto molto molto caro. Una delusione colossale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Accetto la Privacy Policy