Tu lo conosci il Grand Canyon ?

Durante il mio viaggio negli Stati Uniti ho commesso un errore, ma uno di quelli che vengono a darti fastidio solo con il senno di poi.
Ho scelto di visitare il Grand Canyon dopo l’ Antelope Canyon, privandolo probabilmente della magia che mi avrebbe trasmesso se avessi invertito l’ordine.
Non fraintendetemi, il Grand Canyon è qualcosa di immenso e bellissimo, ma avevo ancora appiccicato addosso l’alone delle emozioni provate nell’Antelope, difficili da lasciar scivolare via.
Non lo definirei una delusione, ma è come se mi fosse arrivato agli occhi e non al cuore, non so come spiegarlo. Ero lì sul rim ad ammirare quel paesaggio incredibile pensando a quanto fosse effettivamente più affascinante e più grande di come lo avevo sempre immaginato, eppure le farfalle nello stomaco hanno continuato a sonnecchiare.

visitare il Grand Canyon

Il Grand Canyon è forse la meta ambita dai più, quella che ha il sapore dell’America vera, dell’ on the road, della natura e delle sue opere maestose.
E’ addirittura considerato una delle Sette meraviglie naturali del mondo moderno.
Ti fa sentire minuscolo con i suoi 500 chilometri quadrati di estensione, figuriamoci quando poi ti metti a riflettere sul fatto che quella gola maestosa sia stata creata dal fiume Colorado, che ora a stento si intravede e devi sporgerti un po’ per distinguerne il colore.

A proposito di sporgersi.
Fate molta attenzione quando vi avvicinate al rim perché purtroppo ogni anno muoiono tantissimi turisti a causa di piccole distrazioni.

visitare il Grand Canyon

Come arrivare al Grand Canyon?

Sono tantissimi i turisti che scelgono di visitare il Grand Canyon affidandosi a tour che partono – spesso in aereo – da città quali Las Vegas o Los Angeles.
Tuttavia è possibile raggiungere il parco da ogni direzione e se siete automuniti vi consiglio di dare un’occhiata a questo link per scegliere la strada più comoda per voi.





Ma come si fa a visitare il Grand Canyon?

Dopo aver pagato venticinque dollari un biglietto che vale ben sette giorni – altrimenti compreso nel pass –  ti ritroverai tra le mani una serie di depliant che spiegano la storia del parco e le istruzioni da seguire per sconfiggere l’ipotermia nel caso di perdita della strada e altre cosine che ogni visitatore dovrebbe cercare di evitare, insomma.

Si può scegliere di visitare il Grand Canyon nel meno turistico North Rim o nel più gettonato South Rim, personalmente ho optato per quest’ultima opzione e una cosa che mi ha colpita è stata l’organizzazione perfetta e attenta ad ogni minimo dettaglio. Inoltre mentre il South Rim è accessibile tutto l’anno, il north rim è aperto ai turisti solo dal 15 maggio al 15 ottobre.
Esistono numerosissimi view points posti ovviamente nei punti più panoramici e si può scegliere di girare con la propria auto o affidandosi alla rete di navette gratuite che effettuano tre percorsi panoramici (verde, blu e rossa) toccando anche zone non accessibili in altri modi.

  • La linea rossa è infatti chiusa ai mezzi privati da marzo a novembre ed effettua un giro circolare lungo la West Rime Drive che dura circa un’ora e un quarto.
  • La linea verde percorre la Desert View Drive e impiega circa trenta minuti partendo dal famoso Mather Point.
  • La linea blu serve il Grand Canyon Village e collega tra loro i vari hotel, ristoranti o negozi.

Se siete appassionati di natura non sarà difficile fermarsi diversi giorni da dedicare alle escursioni o alla scoperta degli angoli più nascosti del Grand Canyon.
Dipende tutto dai vostri interessi e, personalmente, penso che se mi fossi fermata più tempo avrei iniziato a considerare monotoni i paesaggi.

visitare il Grand Canyon

E’ possibile dormire nel Grand Canyon?

Si, è possibile e per quanto riguarda il South Rim tutti gli alloggi si concentrano nel Grand Canyon Village, che ospita anche tutti i ristoranti, il Centro Visitatori e altri servizi turistici.
I vari lodge non sono di certo economici, ma l’alba ammirata dal rim deve essere uno spettacolo unico. Noi avevamo pensato di fermarci a dormire all’interno del parco ma poi abbiamo disdetto scegliendo di prenotare presso il super-tipico The Grand Living B&B di Williams, che vi consiglio caldamente nonostante il prezzo, per riprendere subito la Route 66.





Oltre agli alloggi standard, c’è anche la possibilità di dormire in fondo al canyon, scegliendo il Phantom Ranch. Ovviamente è un’ escursione abbastanza pesante e non adatta a tutti che richiede una prenotazione molto anticipata e a quanto pare le sistemazioni sono molto spartane.
Il sito ufficiale del Grand Canyon è una miniera di informazioni riguardanti gli alloggi, i ristoranti e tutto ciò che c’è da sapere per pianificare la visita.

visitare il Grand Canyon

visitare il Grand Canyon

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *