A proposito del nostro indimenticabile viaggio in Polonia

Ma chi se lo aspettava.
Noi, di certo, no.
Quando ci è stato chiesto di partecipare ad un viaggio in Polonia, abbiamo accettato di buon grado perché è sempre stata una meta che avremmo voluto vedere prima o poi. Un po’ come tutti i luoghi raccontati nei libri di storia, anche quelli che, come in questo caso, troppo spesso rientrano nelle pagine più nere.

Ma la verità è che la Polonia è tanto, tanto altro.
E’ natura selvaggia, colore, avventura, ottimo cibo.
E’ tante realtà in una, ognuna delle quali ha saputo farsi spazio in un’esperienza semplicemente straordinaria.

viaggio in polonia
viaggio in polonia

Per il progetto #PoloniaWOW sono stati selezionati alcuni blogger -tra i quali noi- e ad ognuno è stato assegnato un tema diverso, volto a far conoscere nuovi volti del Paese.
A noi è toccato Sport&Adventure.
Ma il nostro viaggio in Polonia si è rivelato particolare ancor prima di partire. L’itinerario, infatti, non lo abbiamo scelto né noi, né Polonia Travel, l’Ente del Turismo che ha dato luce a tutto.
Lo ha scelto la nostra community.
Lo hai scelto anche tu che stai leggendo, magari.
C’era infatti la possibilità di fare una selezione tra nove attività proposte e le tre più votate sono state quelle che abbiamo poi provato una volta sul posto.
Inutile dirti che ci siamo divertiti da morire, vero?

Viaggio in Polonia: dove siamo stati?

Abbiamo toccato le regioni della Varmia-Masuria e Pomerania, un concentrato di paesaggi spettacolari, laghi, spiagge, foreste, villaggi di pescatori e vita notturna.
Siamo atterrati a Varsavia e ripartiti da Danzica e per muoverci da un luogo all’altro era a nostra disposizione un autista privato, ma abbiamo avuto anche la possibilità di testare la rete ferroviaria e ne siamo rimasti piacevolmente sopresi.

Viaggio in Polonia: le attività scelte per noi

Barca a vela sul lago Niegocin

Vogliamo parlarti di una persona, ti va?
Questa persona si chiama Nathalia.
Nathalia è una ragazza di ventiquattro anni che pratica vela da quando ne aveva nove. Ha girato il mondo a bordo delle barche, guadagnandosi da vivere dando lezioni in tutti i posti nei quali si è fermata. Spagna, America Latina, Caraibi, giusto per citarne alcuni.
Ah, a proposito, quando l’abbiamo conosciuta noi era in procinto di partire per una spedizione in Groenlandia.

Ecco, Nathalia è stato il primo di una lunga serie di incontri meravigliosi che ci ha regalato il nostro viaggio in Polonia. Ci ha fatto da skipper durante il nostro giro sul  Niegocin, uno dei mille laghi della Masuria.
Ma Nathalia è anche appassionata di storia ed è così che, tra una virata e l’altra, ci ha raccontato aneddoti sui laghi, sulle invasioni, sui tesori nascosti. Il tutto mentre navigavamo sulle acqua placide, circondati da un paesaggio lussureggiante e tranquillo, perfetto per gli amanti della natura o semplicemente per chi ha bisogno di staccare la spina.

viaggio in polonia viaggio in polonia

Passeggiata a cavallo sul Mar Baltico

Prova ad immaginare il sole caldo del tramonto, con i raggi che invadono dolcemente il tuo campo visivo.
Immagina una distesa enorme di sabbia bianchissima, sottile, delicata.
Immagina il silenzio interrotto soltanto dalle onde del mare.
Ecco, più o meno dovresti avere l’idea di quello che abbiamo provato noi durante la cavalcata sulla selvaggia e incontaminata spiaggia di Lubiatowo, solo una delle numerosissime presenti in Pomerania.
Ci siamo sentiti come catapultati in un film. Un’esperienza indimenticabile.

Info: www.stadnina-choczewo.pl/

viaggio in polonia viaggio in poloniaviaggio in polonia
viaggio in polonia

Yoga al tramonto

Lo yoga è una di quelle cose che quando senti gli altri parlarne pensi “Prima o poi lo faccio” ma che poi, puntualmente, non fai mai. Lo sottovaluti.
Ed è questo che noi abbiamo fatto per tutti questi anni: lo abbiamo sottovalutato.
Subito dopo la fine della nostra lezione con Klaudia (che si sarebbe dovuta svolgere all’aperto, ma che per via del vento è stata spostata all’interno) ci sentivamo benissimo. Rilassati.
In pace.
Come se qualcuno avesse preso un peso gigante dalle nostre spalle e lo avesse soffiato via.

Hai mai pensato a quanto, pur inconsciamente, le preoccupazioni influiscano negativamente sulla nostra vita?
A come siamo più abituati a concentrarci sul problema, piuttosto che sul problem solving?
Al fatto che respiriamo continuamente ma che non abbiamo la minima idea del reale potere dell’inspirare ed espirare, se fatti nel modo giusto?

Ci siamo ripromessi di portare avanti questa pratica anche a casa, di dedicarle -ma soprattutto dedicarci- il giusto tempo. Perché quello che utilizziamo per scavarci dentro e chiudere il mondo fuori, ecco, quel tempo non è mai sprecato.

viaggio in polonia viaggio in polonia

Volo in mongolfiera sopra i grandi laghi della Masuria

Ogni partecipante al concorso aveva la possibilità di suggerire una quarta attività e a noi è toccato il giro in mongolfiera, che ha anche permesso alla persona che lo ha proposto di vincere un viaggio in Polonia.
Diciamo “a noi”, ma in realtà l’unico a godersi la vista è stato Diego, che non soffre di vertigini.
La sua espressione quando ci siamo reincontrati resterà indimenticabile: un misto di stupore e meraviglia che lui ha descritto come il risultato di una delle esperienze più belle della sua vita.

Sorvolare una regione così ricca di foreste e specchi d’acqua all’ora del tramonto, il tutto condito dall’atmosfera magica che solo una mongolfiera può dare, credo sia qualcosa che non abbia il minimo bisogno di essere esplicata a parole.
E’ stata interessantissima anche tutta la fase della preparazione e, ragazzi, dietro c’è un lavoro incredibile se pensiamo al fatto che poi l’unica parola sarà sempre dettata dal vento.

viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia

Viaggio in Polonia: e nel mezzo?

E nel mezzo abbiamo avuto la possibilità di visitare diversi posti meravigliosi.
Come Giżycko, il punto dal quale siamo partiti per la gita in barca.
E’ la classica cittadina adorabile che vediamo nei film o che immaginiamo mentre leggiamo libri romantici, con il suo porticciolo, i ristorantini, il singolare Swing Bridge (viene attivato da un uomo solo ad orari prestabiliti) e tanta, tantissima storia.
Storia che abbiamo approfondito durante la visita alla Water Tower e alla Fortezza di Boyen, uno dei luoghi più importanti d’Europa per quanto riguarda la Seconda Guerra Mondiale.

O come Leba, senza dubbio una delle nostre tappe preferite. Anche lei ricorda tantissimo i romanzi di un tempo grazie ai canali e ai localini che affacciano direttamente sull’acqua. Abbiamo scoperto che si tratta di una città famosissima per la nightlife estiva: nonostante le sue dimensioni ridotte, vanta numerosi locali e possibilità di divertimento per un pubblico giovane, attirato anche dalle vicine ed immense spiagge.
Ma se ti dicessimo che poco distante si trovano delle dune di sabbia a ridosso del mare, ci crederesti?
Stiamo parlando dello Słowińskie Park Narodowy, la destinazione perfetta per trascorrere qualche ora all’aperto, con i piedi nell’acqua e gli occhi carichi di scenari mozzafiato.
E’ un Parco Nazionale molto grande e si può scegliere se visitarlo a piedi o acquistando il biglietto per un trenino elettrico che copre le distanze principali.

E alla fine è arrivata lei, la ciliegina sulla torta: Danzica.
La prima cosa che ci siamo chiesti è come fosse possibile non aver mai preso in considerazione questa città.
Un dedalo di piazze e stradine dall’aria vintage, ovvero il Paradiso per gli amanti della fotografia.
Un quadro nel quale le case a punta dai toni pastello convivono con le statue gotiche , accompagnate dai numerosi musei e quell’atmosfera meravigliosa che si respira lungo il fiume, tra le librerie vintage e la giostra con i cavalli. Se prima del viaggio in Polonia avessimo chiesto alla nostra testa di disegnare il luogo ideale per una passeggiata mano nella mano, al chiarore di Luna, tra chiacchiere fitte e baci rubati, beh, non sarebbe arrivata neanche lontanamente alla reale bellezza di Danzica.

viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia

Viaggio in Polonia: dove abbiamo dormito

Castello di Ryn (Masuria): hai presente i castelli delle fiabe? Ecco, noi abbiamo pernottato proprio in uno di questi.
Il Castello di Ryn è un alloggio dove si percepiscono subito l’attenzione ai dettagli e la costanza del non andare mai “fuori tema”. E’ il luogo ideale per le coppie o per chi cerca una fuga, magari rilassandosi nella spa tra un idromassaggio e un trattamento benessere. Abbiamo anche provato entrambi i ristoranti (sia quello interno che quello poco distante, sulle rive del lago) e sono ottimi. Proprio qui abbiamo avuto il primo assaggio della cucina polacca, ennesima sopresa di questo viaggio.
Il nostro piatto preferito? Assolutamente i pierogi!

Pałac Ciekocinko (Pomerania): si tratta di uno degli hotel più belli della Polonia e merita sia la fama che le cinque stelle che ha. E’ una residenza enorme, dallo stile ispirato al Grande Gatsby e incentrato su un’eleganza senza tempo. Tutto intorno, foreste.
Praticamente ovunque c’è un richiamo al mondo dei cavalli, vengono organizzate tante competizioni e lezioni di equitazione per persone di ogni età.
Immagina la nostra faccia quando siamo passati davanti ad una serie di stalle vuote e la responsabile ci ha detto Quelle sono per i cavalli dei nostri ospiti”. Un po’ come quando si porta il cane in vacanza, insomma.

Central Hotel Gdansk (Danzica): hotel situato accanto la stazione ferroviaria Gdansk Glowny.
Chi ci ha seguito tramite le instagram stories, sicuramente ricorderà la nostra espressione nel momento in cui abbiamo posato gli occhi sull’enorme camera che ci avrebbe ospitati per la notte. L’eleganza qui è moderna e colorata, ricca di comfort e vanta all’interno anche un ottimo ristorante-birreria.

viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia viaggio in polonia

Grazie a Polonia Travel e Bumboo per averci permesso di esplorare e raccontare un lato totalmente nuovo della Polonia: dinamico, divertente, soprendente. Decisamente “WOW”.
E, ovviamente, grazie a tutti i lettori che hanno creato e seguito il nostro itinerario.

 

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *