Cosa fare a Franschhoek: 3 cantine imperdibili nelle Winelands sudafricane

In realtà è abbastanza inutile chiedersi cosa fare a Franschhoek perché la risposta è alquanto ovvia: bere.
Tantissimo.
A qualsiasi ora del giorno e della notte.

Scherzi a parte (e mica tanto!), se sei un intenditore o un semplice amante del vino non faticherai ad innamorarti delle Winelands sudafricane.


Probabilmente in un primo momento ti sembrerà di essere stato catapultato in Toscana, tra vigneti infiniti e distese di verde a perdita d’occhio.
Le Winelands riescono a mettere insieme tre cose: ottimo vino, ottimo cibo, ottime sistemazioni.
E’ proprio qui che si concentrano alcuni tra i ristoranti e gli alloggi migliori di tutto il paese, ma non è di questo che vogliamo parlati oggi, dato che ti abbiamo già consigliato dove dormire.

Oggi vogliamo raccontarti una storia.
Anzi, vogliamo raccontartene tre.

Riguardano le cantine che abbiamo visitato durante il nostro soggiorno e, fidati, sono una più interessante dell’altra.

cosa fare a franschhoek

Cosa fare a Franschhoek

Anthonij Rupert Wyne

Ci troviamo all’interno di una delle cantine più grandi, importanti e antiche di tutto il territorio.
L’intera proprietà fu fondata da Anthonij Rupert, venuto a mancare nel 2001, ed è un concentrato di attrazioni e paesaggi meravigliosi in grado di intrattenere facilmente i visitatori per un’intera giornata.

Cosa fare a Franschhoek

Anthonij Rupert era un grande amante dell’Italia, tanto che sono frequenti i dettagli che ricordano il nostro paese.
Ci è stato raccontato di come lui apprezzasse quello stile di vita nostrano un po’ vintage, un po’ romantico, di un’eleganza tipica e particolare fatta di buon cibo, belle donne, ottimo vino.

Ma quali sono le attività imperdibili?

Degustazioni di vini

All’interno della proprietà sorgono due tasting room: Terre del Capo e Anthonij Rupert.
Sono molto diverse l’una dall’altra ed offrono la possibilità di assaggiare, previa prenotazione, tante eccellenti tipologie di vino.
Il nostro consiglio è quello di provarle entrambe dal momento che vantano un ventaglio di esperienze decisamente ampio e adatto ad ogni gusto.
Un esempio?
Optando per MCC & Nougat Pairing avrai la possibilità di provare i vini della selezione L’Ormarins abbinati a dolci a base di mandorle e zucchero caramellato.

Un pranzo con vista.. Macchinari!

Si, non stiamo scherzando.
Il meraviglioso ristorante situato all’interno della tasting room Terre del Capo è assolutamente da provare e ha realmente una vetrata enorme che permette di assistere alla fase dell’imbottigliamento.
Noi abbiamo avuto la possibilità di goderci un ottimo pranzo accompagnato da una selezione di vini. Tra i vari, ci ha colpiti particolarmente il Pinot Grigio della collezione Tropea.

The Motor Museum

All’interno della Anthonij Rupert Wine sorge uno dei musei più visitati di Franschhoek: il motor museum.
Una collezione privata di oltre ottanta automobili appartenute a svariati tempi storici e tenute con immensa cura.
Che tu sia un appassionato o no, sarà sicuramente emozionante fare questo salto nel tempo, magari in compagnia di una guida esperta.

Un giro sull’Estate Tram

Viste le dimensioni della proprietà, a collegare i principali punti di interesse ci pensa un comodissimo tram sul quale è davvero doveroso fare un giro panoramico.
Un tuffo nelle meraviglie della Wine Valley di Franschhoek, tra vigneti infiniti e panorami mozzafiato.

Per maggiori informazioni: https://www.rupertwines.com

cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek

Babylonstoren

Immagina il luogo ideale nel quale rifugiarsi per coccolarsi un po’ e per lasciare il mondo fuori.
Immaginalo verdissimo, rustico, accogliente.
Probabilmente somiglierà moltissimo a Babylonstoren e se ti stai chiedendo cosa fare a Franschhoek, sappi che questo nome dovrebbe essere assolutamente presente nel tuo itinerario.

Fondata nel 1692, Babylonstoren conserva ancora il tipico stile architettonico coloniale boero della provincia del Capo, comunemente detto Cape Dutch.
Non vogliamo di certo annoiarti, ma questo luogo ha davvero una storia fenomenale alle spalle, un album dei ricordi dalle infinite pagine.

Noi abbiamo visitato la proprietà solo per poche ore, tuttavia ci sarebbe piaciuto moltissimo fermarci anche una notte se avessimo avuto più tempo a disposizione.
Babylonstoren vanta infatti anche un hotel con camere e cottage perfettamente incastonati nell’ambiente circostante, oltre ad una bellissima spa.
Una cosa è sicura: è impossibile annoiarsi e ci sono attività pensate per ogni età e interesse.

Wine & Olive Oil Tasting

Andiamo al sodo: anche in questo caso non è possibile andare via senza aver assaggiato gli ottimi vini. Oltre alla classica degustazione, che noi abbiamo accompagnato con un piatto vegetariano composto esclusivamente da prodotti cresciuti lì, è possibile prenotare un cellar tour alla scoperta delle cantine e delle fasi di produzione dell’olio d’oliva locale.

Sono presenti in loco anche dei veri e propri ristoranti che ovviamente rispettano la filosofia del Km 0 e dell’utilizzo di cibi di stagione: Babel e The Bakery.

Sport

Ci ha fatto estremamente piacere notare l’attenzione posta nei confronti delle attività sportive che, oltre alla possibilità di utilizzare una palestra bene attrezzata, si traduce in numerose attività. Ci si può cimentare in percorsi pensati per le biciclette, nella pesca sportiva o in una bella nuotata in piscina, ad esempio. Ma sono presenti anche percorsi segnalati per chi ha semplicemente voglia di restare fedele allo jogging.

Garden Tour

Ogni giorno, alle 10:00, è possibile esplorare i meravigliosi giardini in compagnia di una guida.
Sono davvero enormi e vantano oltre trecento varietà di piante.
C’è addirittura una sezione dedicata esclusivamente a quelle medicinali.

E per i più piccoli?

Saranno proprio i bambini a godere maggiormente delle bellezze di Babylonstoren, grazie ad attività pensate esclusivamente per loro.
Potranno interagire con gli asinelli, impastare con i fornai, aiutare nella raccolta della frutta e delle verdure del giardino o in quella delle uova. Ma, soprattutto, inizieranno a capire l’importanza enorme della terra e del cibo controllato.

Per maggiori informazioni: https://www.babylonstoren.com/

cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek

Black Elephant Vintners

Senza dubbio il ricordo più semplice e allo stesso tempo particolare ed emozionante.
I ragazzi della Black Elephant propongono una degustazione decisamente diversa dal solito: abbinano i vini alla musica.
Ogni calice è accompagnato da una canzone scelta e studiata appositamente per quel tipo di sapore.
Qual è lo scopo? Coinvolgere anche gli altri sensi, non solo il gusto e l’olfatto.

Non avendo mai provato un’esperienza del genere, inizialmente eravamo un po’ scettici, ma ci è bastato immergerci nella prima accoppiata per avvertire una serie di brividi ed emozioni che davvero ci viene difficile descrivere. E’ qualcosa che va provato sulla propria pelle.
I brani possono essere ascoltati anche attraverso delle cuffie (un po’ come se fosse una silent disco) per vivere un momento ancora più magico.

E’ un’esperienza intima, soggettiva, fortissima.
E’ un salto nel vuoto.
E’ un tuffo nei ricordi, nel passato, nelle ferite e nelle conquiste.
E’ un viaggio interiore a trecentosessanta gradi.

La Black Elephant si definisce una casa di ribelli incentrata sull’industria del vino più vera, paziente, riverente. Qui ogni bottiglia ha una storia, dall’etichetta alla scelta del nome.
E’ stato bellissimo notare la cura che viene posta in ogni dettaglio, il modo in cui nulla sia lasciato al caso.
I nostri vini preferiti? The Dark Side of The Vine e Two Dogs, a Peackock and a Horse.

Per maggiori informazioni: https://bevintners.co.za/

cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek cosa fare a franschhoek

Grazie all’Ente del Turismo di Franschhoek per averci permesso di entrare in contatto con tre realtà molto diverse tra loro ma ugualmente speciali.
E’ stata un’avventura bellissima.

 

 

 

 

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *