Dove dormire a Den Bosch: Little Duke Hotel

Siamo arrivati in Olanda con la solita eccitazione, ma purtroppo anche con una scorta di tachipirina nel bagaglio. Il termometro per Diego segnava 39 ed anche io iniziavo a sentirmi poco bene. Ma avevo le mani che tremavano dalla voglia di esplorare un nuovo angolino. Per la prima notte, infatti, il nostro programma prevedeva di dormire a Den Bosch, una cittadina che, vi giuro, sembra tirata fuori dalla più bella delle fiabe.

dormire a den bosch dormire a den bosch

Dove dormire a Den Bosch: Little Duke Hotel

Abbiamo avuto la possibilità di dormire a Den Bosch in un hotel particolarissimo, situato in pieno centro e a due passi dalla stazione. E’ la soluzione ideale per chi vuole avere tutto a portata di mano e -udite udite!- per la prima volta abbiamo provato l’esperienza del self check-in: in cinque minuti ci siamo registrati, abbiamo attivato le chiavi e siamo entrati in camera. Davvero comodo e senza intoppi. Amanti della tecnologia, questo è il posto che fa per voi.

Un tempo utilizzato per tenere i cavalli e le carrozze durante gli eventi speciali, oggi il Little Duke Hotel è un budget hotel dotato di ogni comfort. Nella nostra camera c’era anche una zona separata con poltroncine e vetrate panoramiche.
Ho apprezzato moltissimo la possibilità di avere sempre un wifi velocissimo e Netflix che -data la febbre altissima di Diego e l’impossibilità di uscire la sera- si sono rivelati utilissimi.
Il loro motto è “Little, but grand” e non potrei essere più d’accordo, se tornassi a Den Bosch soggiornerei nuovamente qui senza alcun dubbio.

dormire a den bosch dormire a den bosch dormire a den bosch

Inoltre il bar adiacente, chiamato CoffeeLab, oltre a servire la colazione funge anche da “living room” dell’hotel.
Amo i luoghi arredati in modo particolare e questo localino mi ha permesso di iniziare la giornata con il piede giusto. Ci sono tavoli in legno enormi che possono essere usati per lavorare mentre si sorseggia un caffè o si gusta una delle ottime scelte del menu.

dormire a den bosch dormire a den bosch dormire a den bosch

‘s-Hertogenbosch -informalmente Den Bosch- mi ha ricordato molto Bruges in alcuni tratti. Ha le caratteristiche tipiche di quei luoghi che ti fanno venire voglia di camminare mano nella mano con la persona che ami, di fermarti a cenare in un localino romantico con musica leggera di sottofondo, di fotografare ogni singolo scorcio.
Io, visto il marito malato, ho in realtà passeggiato mano nella mano con lo smartphone e la reflex, seguendo il percorso riportato su un depliant che mi era stato lasciato dall’Ufficio Turistico della città, situato in pieno centro. Consiglio anche a voi di passare a ritirarlo perché è comodo avere tutte le tappe più interessanti già programmate. Nonostante le dimensioni ridotte, suggerirei di dedicare a Den Bosch almeno una giornata intera perché la sua magia sta nel girarla con calma, lasciandosi catturare sia dagli angolini nascosti che dai luoghi più importanti, come il Noordbrabants Museum. Inoltre, se siete amanti dello shopping, qui troverete tantissime boutique interessanti.

dormire a den bosch dormire a den bosch

Per cena non fatevi assolutamente scappare la possibilità di provare Eetbar DIT, un ristorante dall’arredo particolarissimo e nel quale abbiamo gustato piatti squisiti. Noi, come accennavo prima, non abbiamo avuto la possibilità di tuffarci nella nightlife del weekend, ma tornando in hotel dopo mangiato abbiamo notato che i bar pullulavano di persone. Si respirava proprio una bella atmosfera.
Den Bosch mi è piaciuta tantissimo e il fatto che sia facilmente raggiungibile dalle altre città olandesi è solo un ennesimo punto a suo favore. Noi, partendo da Eindhoven, abbiamo impiegato con il treno meno di venti minuti.
E’ stata in grado di riconfermare qualcosa che, in fondo, già sapevo: l’Olanda non delude mai.

dormire a den bosch dormire a den bosch dormire a den bosch dormire a den bosch dormire a den bosch dormire a den bosch

Grazie all’Ente del Turismo Olandese , al Little Duke Hotel  e al CoffeeLab per aver scelto di collaborare con noi durante questo viaggio

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi news e aggiornamenti dal nostro blog

Iscrizione avvenuta con successo!