Il mio viaggio in Messico: impressioni a caldo

Scrivo con le mani ancora tremolanti e una voragine di pensieri che mi invade la testa, ma che ancora non riesco a mettere in ordine. Il nostro viaggio in Messico è stato totalizzante, forte, d’impatto.
Voglio iniziare a parlarvene ora, riportando fedelmente ciò che ho scritto di getto in una pagina del mio diario mentre ero ancora lì, intenta ad esplorare un angolo di mondo che ha saputo farmi brillare gli occhi.
Giuro che nel prossimo post vi riempirò di informazioni, itinerari e consigli, ma ora preferisco far esprimere il cuore.

viaggio in messico

Credo che il Messico sia un posto impossibile da conoscere fino in fondo, un universo racchiuso in uno spazio solo più ristretto. E’ un agglomerato di mondi differenti che meritano di essere visitati uno ad uno.
Questo viaggio ci ha permesso di scoprirne una bella fetta, uno di quegli assaggi sostanziosi che poi ti spingono a cercare altri morsi. Il regalo più bello, alla fine dei conti, forse sono stati proprio i messicani. Sarà che partivo un po’ con le mani avanti, sarà che non me li aspettavo mica così, però a volte ho temuto davvero che il cuore stesse per scoppiare.
Sono racchiusi in uno stato mentale che sembra essere rimasto indietro nel tempo e che al quale, secondo la mia opinione mentale, invece noi ancora non riusciamo ad arrivare e non sono certo stacanovisti, questi omini “color caffè”, come si è autodefinita la nostra guida in uno dei siti maya. Ma hanno capito tutto.

viaggio in messico

Estremamente sorridenti, educati e legati al territorio, drizzano le orecchie non appena ti sentono pronunciare un complimento, e iniziano a raccontarti le loro origini, le caratteristiche della loro etnìa -una a caso tra le tante esistenti- e nel farlo ti invitano ad entrare nel loro mondo, quello che diventa lo scopo di ogni viaggio.
Ad esempio, mi è bastato chiedere un’informazione su una strada per ricevere una scarica di notizie utili su Merìda, rigorosamente senza volere nulla in cambio. E così ci siamo imbattuti nei sorrisi  di Antonio, affabile cameriere dello stato del Michoacan che ha girato il Messico in autostop, fermandosi a lavorare in cambio di alloggio fino a quando non si è imbattuto nella sua bella moglie cubana, dalla quale ha avuto due figli. Adesso Antonio lavora tanto nel ristorante e quando i clienti vanno via torna a casa a riposarsi. Solo per un’oretta però, perchè poi inizia il suo turno in un locale notturno.
Beh, lui forse un po’ stacanovista lo è.

viaggio in messico

Un viaggio in Messico accontenta tutti i gusti, da quelli più semplici ai più particolari.
Il paesaggio cambia in fretta passando da un mare cristallino -hei, siamo pur sempre ai Caraibi-, grandi metropoli fino ad arrivare alla giungla. Credo sia fondamentale essere in continuo movimento per entrare in contatto con le diverse facce di un paese tanto immenso quanto sorprendente.
Per quanto mi riguarda, sono contenta che il mio punto di partenza sia stato rappresentato da Città del Messico e non vedo l’ora di parlarvene perchè gran parte del merito va a lei, a questa capitale caotica e sorprendente e piena di storia.
L’ho amata, l’ho amata tanto e in un modo strano, quasi disordinato.





viaggio in messico

E la cucina dove la mettiamo?
Anche se ho intenzione di dedicarle uno spazio ampio e dettagliato, non posso fare a meno di nominarla perchè è stata uno dei punti cardine di questa esperienza. Non è vero che tutto è piccante, tutto è troppo speziato, tutto è troppo particolare. Noi ad esempio odiamo il coriandolo, molto usato dai messicani, ma ci è bastato avvisare i camerieri o chi di dovere.
Sapori veri e autentici consumati in ristoranti o in taquerie improvvisate in un qualsiasi garage. Ho mangiato bene ovunque e ho mangiato tanto.
Forse troppo, ma chi se ne frega!

viaggio in messico

Poi c’è il passato con le sue tradizioni buffe e anche un po’ inquietanti, un capitolo diverso da quelli incontrati fino a questo momento, quasi come fosse il libro delle fiabe di un qualsiasi bambino. Il Messico ne ha viste tante, tantissime e forse combatte ancora contro la scia di un prologo mal scritto.
Ma mi basta pensare alla sua storia per lasciarmi alle spalle queste riflessioni e sorridere al richiamo delle rovine maya,  che cavolo.. Quanto mi hanno emozionata!
Probabilmente appassionerebbero chiunque, sono un esempio unico di archeologia e sfido anche la persona più scettica a rimanerne delusa.

viaggio in messico

Il nostro viaggio in Messico ha confermato un concetto base che porto dentro: viaggiare equivale alla mia felicità.
Non ci sono scampi, è il mondo stesso la mia casa, il mio porto, la mia parola di conforto e lo sfogo alle mie risate.
Il mondo è la mia cura e la mia ossessione positiva.
Ogni esperienza insegna e questi diciassette giorni hanno tatuato in me un pensiero che, come dico sempre, troppo spesso viene messo da parte, ma che è sempre il momento giusto per tirare fuori: la felicità è una scelta.

viaggio in messico

 

 

 

 

 

 

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

16 commenti

  • Che belle parole Marika <3
    Il Messico lo rimandiamo sempre perchè un'amica ha i cugini che vivono lì e volevamo andare insieme…
    Deve essere particolare, come tutte le zone del centro America!
    Mi piace perchè mi aspetto dei gran bei post carichi di emozioni visto gli incontri…che sono la cosa più bella dei viaggi <3
    Aaaaargh quanto darei per poter fare anche io più di un viaggio lungo all'anno! Maledetto lavoro 😉 Ma mi accontento così perchè come dici tu "viaggiare equivale alla mia felicità" quindi anche solo qualche giorno in un posto nuovo (ma anche vecchio…io sono una che ama anche i ritorni nei luoghi conosciuti!) mi riporta in pace con me stessa!!
    Un abbraccio!

  • Eccolo qui! Non ci speravo così presto! Mi hai travolta con emozioni e colori, le foto sono incredibili e non vedo l’ora di leggere il resto! La parte più bella di questo post? Quella dedicata al popolo messicano <3

    • Ciao bellezza!
      Il popolo messicano, nonostante i paesaggi fantastici, è stato il regalo più bello di questo viaggio. Forse perchè non me l’aspettavo così speciale 🙂

  • Adoroooo questo post!
    Pieno zeppo di cuore ed emozioni! Che meraviglia tesoro! Mi hai fatto sognare con le tue foto, adesso anche con questo post.
    Perché p impossibile non capirti. Viaggiare è la nostra felicità, la nostra ossessione e al tempo stesso la nostra cura.

  • Ohhh, un prologo pieno di emozioni per tanti post che aspetto fin da ora! Quanto mi piace il tuo modo di viaggiare, mi ci ritrovo molto… gli incontri e le parole scambiate con la gente locale, la voglia di assaggiare tutto, l’emozione davanti ai luoghi vecchi e nuovi… e questa incredibile ossessione positiva, ricca di entusiasmo e di grinta!
    Ti abbraccio Marikina :*

  • ti ho seguita in questo viaggio incredibile e in ogni foto, in ogni parola traspariva tantissimo entusiasmo.
    Non vedevo l’ora di leggere le tue impressioni a caldo e che dire? Emozioni allo stato puro! Bravissima, sei riuscita a farmi venire una voglia pazzesca di Messico 🙂
    Un abbraccio!

  • Adoro il Messico, è stato il mio primo viaggio ai confini del mondo.
    La mia super esperienza di volontariato mi ha portato però a rimanere per 3 settimane ferma in uno stato quindi credo che presto ci tornerò in quanto mi è rimasto nel cuore insieme ai sorrisi della sua popolazione!

    • Sono felice di essere riuscita a trasmetterti questo stato di gioia che conosci bene a che tu. Anche se a volte non è facile spiegarlo, ma per fortuna certi viaggi parlano da soli :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *