Un consiglio per la primavera: il Giappone

Ho parlato tantissimo del Giappone, mostrandone i lati ironici e spirituali, quindi probabilmente in questo momento starai pensando “oh, basta!”.
In realtà oggi non mi perderò in sentimentalismi e sviolinate (o prese in giro), ma cercherò di darti alcune informazioni utili, perché mi sono resa conto di non aver mai risposto alla domanda principale: come si organizza un viaggio in Giappone?

Parto subito col dirti che il periodo migliore per visitarlo è sicuramente la primavera, perché è proprio da aprile a maggio -il lasso di tempo preciso varia di anno in anno- che prende vita l’Hanami, la famosa fioritura di ciliegi durante la quale le città si colorano e i giapponesi si radunano per fare pic nic immersi in scenari magici.

Noi abbiamo goduto solo del suo strascico, dal momento che nel 2012 questo evento stupendo si è anticipato un pò, ma posso comunque assicurarne l’indiscutibile bellezza.

943646_10200704747036059_494072176_n

La Terra del Sol Levante è una meta perfetta per gli amanti dei viaggi fai-da-te e lo dimostra il fatto che le difficoltà per organizzare il tutto e per spostarsi da una città all’altra sono davvero minime, come vi spiegai nell’articolo dedicato al JR Pass e ai trasporti in generale.
Ho trascorso per l’esattezza nove giorni in Giappone, che sono stati così divisi:

Dal primo al quarto giorno: Tokyo
Dal quarto al settimo giorno: Kyoto
Dal settimo al nono giorno: Tokyo

E’ bene tenere in considerazione che ritengo Nara, antica capitale giapponese, una tappa imperdibile ma non è necessario pernottarvi, dal momento che è facilmente raggiungibile da Kyoto in circa quarantacinque minuti.

Se, come me, hai a disposizione solo pochi giorni, ti consiglio di dare un’occhiata agli itinerari per Tokyo e Kyoto che io stessa ho stilato e seguito durante il mio viaggio, in modo da ottimizzare i tempi per visitare più cose possibili.
Sono indicati anche gli hotel in cui ho soggiornato e spero possano essere utili.
Un consiglio: non meravigliarti quando ti troverai di fronte una stanza minuscola e dovrai improvvisarti acrobata per scavalcare la valigia, perché sono ovunque a misura.. Dei giapponesi!

428406_10200704725875530_514660523_n

Probabilmente ti starai chiedendo anche come raggiungere Tokyo dall’aeroporto, giusto?
Sono quasi sicura che il tuo volo atterrerà all’aeroporto di Narita, a circa 60km da Tokyo, dal quale vi consiglio di prendere poi il trenino Narita Express (NEX) che impiega circa un’ora. Noi, infatti, abbiamo optato per il pacchetto SUICA&NEX acquistabile in aeroporto che costa 3000 yen (circa 21,80 euro) e prevede appunto anche la carta prepagata SUICA, utilizzabile sui trasporti senza dover fare ogni volta il biglietto, con 2000 yen (circa 14,50 euro) già caricati, nei quali sono compresi 500 yen (circa 3,60 euro) di deposito.

Le fermate di Tokyo sono: Tokyo Station, Shinagawa, Shinjuku e Ikebukuro.

Un’altra domanda che spesso mi viene fatta riguarda la lingua.
Non tutti sanno che in Giappone non l’inglese non è conosciuto, ma questo non rappresenta un dramma: sono un popolo incredibilmente gentile e disponibile, basti pensare al fatto che noi non facevamo in tempo ad aprire la cartina che un gruppo di giapponesi era già lì pronto ad aiutarci per darci indicazioni.
Quindi se la tua paura riguarda la comunicazione, don’t worry.. Non avrai alcun problema!

284116_10200704830878155_1265642368_n

Ma il Giappone è davvero così caro?
Se saprai organizzarti e non ti peserà rinunciare alle cene nei ristoranti più cari, il Giappone non ti sembrerà assolutamente più caro di tanti altri luoghi. Tolto il prezzo del biglietto aereo, ho riscontrato prezzi sensibilmente più elevati nella maggior parte delle città italiane più turistiche.

..E il volo?
Quando dico che ho volato in Giappone andata e ritorno con meno di 600 euro le persone stentano a crederci. Come dico sempre, tutto sta nell’avere la pazienza di monitorare i voli e di cogliere l’offerta che ci sembra più conveniente.

Vi consiglio di cercare in pochi passi il prezzo migliore tramite la nuova app gratuita di Tripsta! Ma vi dirò di più: durante questo periodo di lancio, Tripsta applica uno sconto di 10 euro a tutte le prenotazioni effettuate via app. Cosa stai aspettando?

Nel frattempo, per avere un consiglio riguardo le altre stagioni, ti suggerisco di dare uno sguardo agli articoli delle mie amiche Manuela, Farah e Lucia!

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

8 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *