King’s Day ad Amsterdam: la follia pura

Finisce così un altro viaggio in terra olandese e, come al solito, il tempo è letteralmente volato.
Partecipare al King’s Day ad Amsterdam -che formalmente dovrebbe essere dedicato alla Regina- ci ha permesso di ammirarla da un’altra prospettiva, durante la super esplosiva festa nazionale.
L’abbiamo vista addobbarsi, indossare le sue decorazioni e mostrarsi ad una folla pronta a stravolgerla e strapazzarla.
Tutto è arancione.

King's Day ad Amsterdam

Come si legge dal sito di Iamsterdam: << Divenuta Regina, l’attuale Principessa Beatrice scelse di mantenere la data in onore della propria madre. A partire dal 2014, il Giorno del Re sarà festeggiato ufficialmente il 27 aprile, cioè il giorno del compleanno del Re Willem-Alexander. >>

Il Koningsdag, così chiamata in lingua originale, non è una festa adatta a tutti.
Non è adatta a chi non tollera le folle e a chi non sopporta -anche solo per una giornata- di dover procedere nelle zone centrali a passo estremamente rallentato. Noi stessi, che amiamo prendere parte a manifestazioni con un’atmosfera così forte, abbiamo sentito il bisogno ad un certo punto di tornare al calduccio della nostra houseboat e osservare i giganteschi e rumorosi barconi dalla finestra.
Tuttavia visitare il King’s Day ad Amsterdam può essere un modo estremamente diretto per dare una sbirciata all’anima di questa città che da sempre custodisce un pezzo del nostro cuore.

King's Day ad Amsterdam King's Day ad Amsterdam

Tutto si svolge in due giorni: ventisei e ventisette aprile.
La città viene presa d’assalto da personaggi e intrattenitori di ogni genere. La prima cosa che si avverte sono senza dubbio i suoni: la musica è ovunque e si balla sotto a palchi professionali così come davanti alle consolle improvvisate sul ciglio della strada. Incredibile la quantità di ragazzi che si muovono tutti insieme!
Per non parlare poi delle barche che si sfidano a colpi di playlist tamarre e fanno saltare -e probabilmente finire in acqua- intere comitive.
Il secondo suono che si nota, purtroppo, è quello delle ambulanze che sfrecciano in continuazione in una corsa contro il tempo per soccorrere chi non è stato in grado di regolarsi.

Il 26 aprile si inizia ad avvertite l’avvicinarsi del grande giorno, perché cominciano a spuntare su ogni finestra o vetrina dei timidi palloncini arancioni raggruppati in composizioni o sparsi qua e là. La sera, poi, arriva il primo step del super party: la King’s Night.
Una volta rientrati nella nostra houseboat, abbiamo continuato ad avvertire fino a tarda notte le voci dai locali circostanti e per questo motivo, mettendo piede fuori abbastanza presto, il mattino successivo siamo stati accolti da una città ancora persa nei sogni. Abbiamo camminato tra le bancarelle in allestimento e gli occhi stanchi di chi si accingeva a lavorare.

 

King's Day ad Amsterdam King's Day ad Amsterdam King's Day ad Amsterdam

A mezzogiorno già era quasi impossibile camminare lungo le vie del centro città. La quintessenza del caos aveva ormai travolto la capitale olandese. E noi? Beh, noi ci siamo buttati a capofitto!
Non avendo una meta precisa, abbiamo deciso di goderci la città in festa facendoci guidare dall’istinto e gironzolare tra i vicoli alla ricerca di un attimo di pace, così come tra le zone più note e affollate, è stato fantastico. E’ stato come far parte di un qualcosa.

Abbiamo vestito i panni di curiosi spettatori, fermandoci davanti a bancarelle piene di cianfrusaglie e provando ad immaginare la storia nascosta dietro un libro usato o un paio di vecchi stivali.
Durante il King’s Day ognuno -si, anche tu- può vendere ciò che vuole, l’importante è non intralciare il passaggio. Abbiamo visto di tutto: cupcake coloratissimi, torte della nonna “brutte ma buone”, abiti vintage, giocattoli.
Moltissime persone provano a metter su uno spettacolino canoro: ad alcune riesce bene, ad altre decisamente meno.

King's Day ad Amsterdam King's Day ad AmsterdamKing's Day ad Amsterdam

Nessuno si stupisce per un abbigliamento azzardato, nessuno passa il tempo puntando il dito invece che divertirsi. Persone di ogni età che, in modo più o meno disparati, rendono onore a questo giorno speciale.
C’è chi dice che partecipare al King’s Day ad Amsterdam non permetta di vedere la città al suo meglio, eppure noi non siamo d’accordo.
Amsterdam è romanticismo, cultura, fascino. Ma è anche voglia di festeggiare e allegria allo stato puro.
Perché si tende a credere che un lato della medaglia debba necessariamente escludere l’altro?

Informazioni

  • Il 26 e 27 aprile i trasporti sono limitati, soprattutto nel centro città.
  • Ti consigliamo di scegliere un alloggio in centro, in modo da avere un’eventuale “via di fuga” dalla folla, nel caso sentissi la necessità di un po’ di pace.
  • Le zone più frequentate sono quelle centrali, ovvero tutta l’area compresa tra la Stazione Centrale, le Nine Streets, Piazza Dam, Leidseplein e il Joordan (soprattutto i dintorni della Casa di Anna Frank).

King's Day ad Amsterdam King's Day ad Amsterdam King's Day ad Amsterdam King's Day ad Amsterdam King's Day ad Amsterdam

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

5 commenti

  • Cose che adoro : il fatto che tutti si vestano di arancione, mi mette allegria.
    I barconi sui canali pieni di gente intenta a far festa, originale e divertente.
    la musica che si sente ovunque ed i gadget che mi comprerei *_*

    Cose che non sopporto : la gente che si straubriaca, la superfolla.

    Detto questo magari un giorno andrò ad Amsterdam proprio per il King’s Day, ma per la prima volta voglio godermela nel “semi” silenzio dei suoi canali e dei suoi scorci meravigliosi! <3

    • Beh, si, ma una cosa non esclude l’altra 🙂 alcuni angoli della città restano comunque silenziosi e potresti andare qualche giorno prima e restare per la festa, tanto i preparativi iniziano solo il 26 🙂 per la folla non faccio testo, io amo il casino ahahah 😀

  • Deve esser divertente girare per Amsterdam in quei giorni, una mia collega vi era stata durante la festa della Regina 🙂 io sotto Capodanno.. bellissima!
    Ps. sul mio blog ti ho taggato nel mio ultimo post !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *