10 cose imperdibili per chi va per la prima volta a Napoli

Come saprai se ci segui da un po’, la capitale partenopea è la nostra seconda casa.
Anzi, per Diego -napoletano doc- è il posto nel quale è cresciuto e al quale ha legato un’infinità di ricordi. Di luoghi meno conosciuti da citare ce ne sarebbero una marea, tuttavia spesso il tempo a disposizione non è abbastanza, ecco perché abbiamo stimato una nostra personale lista delle 10 cose da non perdere per chi si trova per la prima volta a Napoli.

10 cose imperdibili per chi va per la prima volta a Napoli

Il centro storico

Spaccanapoli, via dei Tribunali, Piazza San Domenico Maggiore e potremmo continuare all’infinito nominando altre centinaia di vicoli. 
Ci troviamo nel cuore pulsante di Napoli, in una zona caratteristica e particolare, ricca di fascino e tipicità. Passeggiare qui senza meta, tra una pausa mangereccia e l’altra, regala davvero momenti indimenticabili.

prima volta a Napoli

Napoli Sotterranea

Sebbene sia importante vedere Napoli dalla superficie, non può mancare una visita in quella che è a tutti gli effetti una città sotto la città.
Un percorso guidato (adatto anche a chi soffre di claustrofobia grazie ai soffitti alti) tra vicende incredibili, leggende e fatti storici. L’ingresso è in Piazza San Gaetano n.68 e si consiglia di indossare una felpa per ripararsi dal freddo del sottosuolo. Non è necessario prenotare, a meno che non si tratti di un gruppo, basta presentarsi in loco con un po’ di anticipo.
Le visite guidate in italiano partono ogni ora dalle 10:00 alle 18:00.

Una cena da Nennella

Nennella è un’istituzione e, nonostante sia entrata nei circuiti turistici, non perde il suo fascino decisamente verace, grazie ai camerieri che coinvolgono i clienti con battute e prese in giro. Si trova all’interno dei Quartieri Spagnoli e serve piatti della tradizione napoletana a poco prezzo. Resa ancora più famosa da alcuni articoli in rete, è stata inserita anche all’interno di un post del magazine di Expedia sulle “5 cose da fare a Napoli gratis o quasi”. Non è possibile prenotare, si arriva, si lascia il proprio nome e si attende di essere chiamati. Nel frattempo ci si carica da Cammarota, che si trova proprio lì accanto, a suon di vino e spritz a costi irrisori.
Tralasciando un attimo Nennella, ricorda che quando si tratta di trattorie tipiche vige la solita regola: chiedere consiglio alla gente del posto.

San Gregorio Armeno

Probabilmente una delle strade più famose d’Italia, grazie ai suoi meravigliosi presepi che farebbero venire voglia di comporne uno anche a chi non ne è avezzo. Sono bellissimi, dettagliatissimi, delle piccole opere d’arte. Si trovano in esposizione tutto l’anno, ma ovviamente durante il Natale hanno un fascino ancora più grande. Evita però i periodi di maggiore afflusso turistico, camminare in questo vicolo stretto potrebbe rivelarsi un vero incubo.

prima volta a Napoli

Cappella di San Severo

Irreale.

Ecco cosa si pensa quando ci si trova per la prima volta di fronte al Cristo Velato, che non ha di certo bisogno di presentazioni. Saremmo rimasti a fissarlo per ore, complice l’audioguida interessante e ben fatta. Ci sono anche le “macchine anatomiche”: gli scheletri scarnificati di un uomo e una donna che pare venissero usati come oggetto di studio ed esperimenti nel ‘700.

La passeggiata da Piazza Carità a Piazza del Plebiscito

Una camminata in una zona elegante, adatta a chi ama fare shopping o un po’ di sano people watching. Non dimenticare di visitare anche la fermata Toledo, considerata la stazione metropolitana più bella d’Europa, e la Galleria Umberto I.
E già che ci sei, sorseggia un caffè da Gambrinus fatti avvolgere dal profumo e dal sapore delle sfogliatelle di Pintauro. Se invece preferisci il gelato, l’indirizzo giusto è Casa Infante, dove è tassativo assaggiare la crema pistacchiata. 
A prova di dieta, insomma.

Il miglio sacro

Il Rione Sanità è una zona particolare, un quaritere che non ha sempre vissuto periodi floridi e luminosi. Noi abbiamo avuto la possibilità di percorrerlo e di raccontarlo, ma soprattutto abbiamo avuto la possibilità di innamorarcene perdutamente. Le Catacombe di San Gennaro, le Catacombe di San Gaudioso o il Cimitero delle Fontanelle (ma anche il Fiocco di Neve della Pasticceria Poppella) sono solo esempi di un patrimonio artistico e culturale sconfinato.

prima volta a Napoli

Aperitivo super local a Mergellina

O Margellina, come dicono tanti napoletani.
Non sto parlando di bar lussuosi o champagne costosissimi -volendo, tuttavia, ci sono anche quelli- ma di chioschetti minuscoli, ritrovi semplici, chalet sospesi nel tempo. E’ bello prendere posto e ammirare il mare, tra una birra ghiacciata e un tarallo ‘nzogna e pepe.

Le tredici discese di Sant’Antonio

Il panorama che si ammira dalle rampe di Sant’Antonio a Posillipo è qualcosa che toglie il fiato.
Il Vesuvio incontra la distesa blu del mare e, insieme, rendono onore a quella che sembra a tutti gli effetti una cartolina.
Se ami la fotografia, non puoi perderti questa tappa.

E ovviamente, la pizza

Dai, sappiamo che la stavi aspettando.
Non si può andare per la prima volta a Napoli senza avere il pensiero su dove assaggiare la vera, deliziosa, specialità locale. In questo articolo abbiamo elencato le nostre pizzerie preferite, ma ovviamente la lista di quelle valide è lunghissima.

prima volta a Napoli

About

Marika Laurelli. Travel blogger autrice di Gate 309, Web Writer e Storyteller Appassionata di tutto ciò che riguarda i social network e nutre un amore smisurato per il mondo, l'avventura, la scoperta.

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *